Bmw Serie 2 Gran Coupé, personalità poliedrica

di Piero Evangelisti

Trazione anteriore per prestazioni da vera sportiva. Design dal forte impatto. Motori diesel e benzina potenti ed efficienti. Con la 220d quasi 24 km con un litro di gasolio.

Le berline Bmw sono per tradizione vetture sportive, storicamente caratterizzate da un design che le ha sempre distinte dalle classiche quattro porte a tre volumi. Ad affiancarle, per automobilisti più dinamici, sono poi arrivate, in tutte le Serie, ma identificate dai numeri pari, le Coupé, due porte e coda tronca, appena accennata.

Ma a Monaco questo non bastava, e per accontentare una clientela ancora più esigente sono nate le Gran Coupé, prima per la Serie 6, poi per la 4 e la nuovissima 8 e ora anche per la Serie 2, realizzata sulla nuova piattaforma a trazione anteriore sulla quale è costruita l’ultima generazione della Serie 1, passata al tutto avanti.

UNA SCELTA SEMPRE PIÙ AMPIA

Serie 1 e Serie 2 sono, per prezzo e dimensioni, le porte di accesso al mondo Bmw, modelli importanti sia per una flotta premium sia per i noleggi, e l’arrivo della Serie 2 Gran Coupé – molto più appetibile di una due porte quando si parla di business car – amplia la scelta dei fleet manager al momento di costruire una car list premium. Rispetto alle Gran Coupé di taglia più grande, a ruote motrici posteriori, la Serie 2 è, come detto, a trazione anteriore, una nuova soluzione che ha riscosso un immediato successo sulla nuovissima Serie 1, e, dunque, anche per la Gran Coupé non ci saranno riserve da parte dei puristi amanti della trazione posteriore. Dover creare un terzo modello, tra berlina e coupé, ha richiesto ai designer di Monaco un notevole impegno ma è stata anche un’opportunità per sperimentare nuovi equilibri fra i volumi che compongono un’auto.

Bmw Serie 2 Gran Coupé si presenta con un corpo definito da linee decise, sicuramente sportive ma molto fluide, capaci di emozionare con muscoli non esibiti: una vera Bmw, insomma, quella che ci si aspetta che esca dagli atelier bavaresi ma comunque capace di stupire. La nuova Gran Coupé è lunga 4,53 metri, larga 1,80 ma alta appena 1,42 metri, come si conviene a una sportiva, e vanta un passo di 2,67 metri, valore che preannuncia un abitacolo molto spazioso al quale si accede attraverso portiere ampie, caratterizzate dall’assenza di telaio per i cristalli. Il frontale è di forte impatto, con il doppio rene prominente con griglia indentata e i nuovi gruppi ottici, full led, sdoppiati, che proseguono sulle fiancate. Complesso e originale il disegno della coda che cela un vano bagagli che ha una capacità di 430 litri, più ampio di quello della Serie 1 e allineato a quelli delle competitor della fascia premium.

SPORTIVA E CONFORTEVOLE

La doppia personalità di una coupé a quattro porte si riflette anche nel layout e nelle dotazioni dell’abitacolo, dove sportività e attenzione al comfort si fondono in ogni dettaglio. I sedili, di design sportivo, sono molto comodi e la posizione di guida è bassa ma offre comunque una buona visibilità. Serie 2 Gran Coupé, del resto, è un’auto da usare tutti i giorni, anche su lunghe percorrenze, e tutto ruota intorno al guidatore, come il Live Cockpit Professional “driver oriented” che nella versione più ricca è costituito da due schermi “touch” da 10,25 pollici, dedicati alla strumentazione e all’infotainment e gestiti attraverso il Bmw Operating System 7.0 introdotto sulle Bmw di ultima generazione. Come optional è previsto il controllo gestuale di molte funzioni, non indispensabile perché l’ergonomia che ha guidato i progettisti nella collocazione dei comandi mette il driver nella condizione di avere sempre tutto sotto controllo. E poi in viaggio, al volante della nuova Bmw Serie 2 Gran Coupè – la versione tuttora più adatta per una flotta aziendale premium è la 220d Business Advantage con cambio automatico – il guidatore non è mai solo perché può contare sul Bmw Intelligent Personal Assistant che può essere interpellato in ogni momento pronunciando la semplice frase “Ehi, Bmw!”.

A questo compagno di viaggio, chiaro esempio di intelligenza artificiale a bordo dell’auto, si può chiedere di tutto, dalla spiegazione di una funzione alle previsioni del tempo lungo l’itinerario che abbiamo impostato sul navigatore fino ad avviare una vera e propria conversazione sugli argomenti più disparati. Un’altra importante assistenza arriva dalla “Connected Navigation” che fra le tante funzioni che mette a disposizione (consente, ad esempio, l’impostazione dell’itinerario da remoto) prevede anche l’individuazione di un parcheggio vicino al punto di arrivo, di prenotarlo e di pagarlo.

VIAGGIARE IN SICUREZZA

Comfort e sportività possono essere calibrati secondo il proprio stile di guida già nella configurazione della vettura scegliendo fra tre diversi tipi di sospensioni – da quelle standard alle più dinamiche M Sport – fra le quali sono sicuramente raccomandate quelle Adaptive che possono essere gestite attraverso il Driving Experience Control che permette di adattare l’assetto allo stile di guida del momento.

Gli ADAS che equipaggiano – di serie e optional – le nuove Serie 2 Gran Coupé derivano direttamente da quelli montati sulle Bmw di categoria superiore e sono gestiti attraverso una complessa rete di sensori ad ultrasuoni, radar e telecamere che sorvegliano tutta l’area intorno alla vettura. Fra i numerosi dispositivi troviamo la frenata di emergenza con riconoscimento di pedoni e ciclisti, il Lane Departure Warning (operativo fino alla velocità massima di 210 km/h), l’Adaptive Cruise Control con Stop&Go e il Lane Change Warning con prevenzione delle collisioni in retromarcia (crossing traffic warning).

MOTORI POTENTI ED EFFICIENTI

Attualmente, in fase di lancio, Bmw propone per la Serie 2 Gran Coupè una gamma di motori endotermici, benzina e diesel, adeguata al ruolo della vettura che, come abbiamo detto, è una delle porte attraverso le quali entrare nell’esclusivo mondo Bmw. I propulsori convenzionali del brand di Monaco, tutti progettati secondo la ventennale filosofia EfficientDynamics, offrono prestazioni sportive a fronte di consumi contenuti che non gravano troppo sul TCO. In un’ottica business, poi, una vettura che ha un listino che spazia tra i 32.000 euro della 218i da 140 CV e i 53.500 della M235i xDrive da 306 CV, è destinata a chi percorre molti chilometri l’anno e quindi il diesel è ancora la motorizzazione più adatta.

Si può optare fra la 216d da 116 CV (34.000 euro), mossa da un agile tre cilindri di 1.5 litri abbinato di serie al cambio automatico Steptronic a 8 rapporti, e la più esuberante 220d, spinta da un due litri da 190 CV, anch’esso accoppiato alla trasmissione Steptronic, che costa, nella versione Business Advantage, 43.850 euro. La differenza di prezzo e sensibile ma, del resto, le due versioni della Bmw Serie 2 Gran Coupé sono destinate, all’interno di una flotta, a driver diversi, anche se il piacere di guida