Banca di Asti fa il primo passo verso la green mobility

di Redazione

La prima auto elettrica entra a far parte della flotta aziendale. La sostenibilità è perseguita non solo nel parco auto ma anche con una serie di comportamenti green nella costruzione delle filiali e nella scelta dei partner.

Si aggiunge un nuovo tassello all’impegno di Banca di Asti verso la sostenibilità: entra a far parte della flotta aziendale la prima auto full electric. “La scelta di inserire nella flotta aziendale un’auto elettrica risponde a diverse necessità: la volontà di contribuire alla riduzione dell’inquinamento atmosferico, a cui si aggiungono il risparmio energetico, la riduzione dei costi di manutenzione e la maggiore durata delle auto in flotta” dichiara Paolo Cerrato, responsabile della flotta aziendale di Banca di Asti.

“Abbiamo optato per un approccio graduale, scegliendo la soluzione del noleggio a lungo termine per avere una pianificazione delle spese e un supporto tecnico personalizzato”.

LA PRIMA ELETTRICA IN PARCO

L’introduzione della prima auto elettrica nella flotta di Banca di Asti rappresenta un primo passo verso la green mobility che caratterizzerà la futura flotta aziendale, in linea con le strategie gestionali, in ottica di sostenibilità.

L’attenzione all’ambiente è sempre maggiore” prosegue Cerrato “Banca di Asti ha scelto di dare gradualmente, ma in misura sempre più marcata, il proprio contributo per proteggere l’ambiente e i territori nei quali opera con le proprie filiali. Sentiamo questa responsabilità e facciamo la nostra parte”.

UN APPROCCIO GREEN

L’approccio green produce vantaggi anche dal punto di vista della soddisfazione del personale che si identifica con i valori ambientali portati avanti dalla propria azienda: le auto elettriche sono modelli innovativi, dotati di strumentazione tecnologicamente avanzata che fornisce maggiore sicurezza e facilita gli spostamenti.

La sostenibilità, anche riferita alla mobilità, è la modalità operativa privilegiata da Banca di Asti già da diversi anni: l’istituto di credito piemontese persegue questi obiettivi con una serie di comportamenti green sia nella costruzione delle proprie filiali, sia nella scelta di fornitori e partner che condividano gli stessi valori. Il primo intervento risale al 2011, quando l’illuminazione della sede centrale di Asti venne collegata all’impianto fotovoltaico e portata a led. Il percorso è poi continuato, ove possibile, con la ristrutturazione di filiali esistenti e nella costruzione di nuove agenzie dotate di impianti fotovoltaici e colonnine per la ricarica delle auto elettriche.

Leggi anche: Green Mobility: è giusto puntarci seriamente