Auto sostitutiva, la mobilità va garantita sempre

di Rossana Malacart

Poter usufruire di un’auto sostitutiva è molto importante per garantire la continuità della mobilità aziendale. Assicurare la mobilità al cliente in caso di fermo per tagliando, rottura del mezzo o in attesa dell’assegnazione definitiva è infatti uno tra i servizi più importanti del noleggio a lungo termine: sia nel breve periodo ma, soprattutto, in un’ottica di fidelizzazione. Le società di noleggio offrono questo servizio con vetture di proprietà o appoggiandosi alla rete degli autoriparatori.

 

Garantire la mobilità 

“Non è solo un’attività strategica, ma uno dei momenti più importanti nell’esperienza di mobilità dei nostri clienti”, ha spiegato ad Auto Aziendali Magazine Roberto Sticca (foto a sinistra), Operations Director di Alphabet Italia, che aggiunge: “ogni volta che i nostri driver ne usufruiscono verifichiamo la qualità percepita attraverso la metodologia Nps (Net promoter score)”.

 

“E’ uno dei principali punti di contatto con la clientela”, concorda Laura Papa (foto a destra), Customer Assistance Senior Manager di Ald Automotive Italia, “e ci permette di offrire una mobilità a 360 gradi”.

 

Per Andrea Martini (foto a sinistra), Direttore Arval short term, “si tratta di un elemento imprescindibile, un servizio strategico, per i driver che utilizzano i servizi della società”.

 

Lo stesso per Barbara Fornasari (foto a destra), Responsabile Area Customer Experience di Car Server, che sottolinea la possibilità di “garantire mobilità senza interruzione durante un fermo tecnico o nell’attesa dell’assegnazione dell’auto definitiva”.

 

Amilcare Rotondi (foto a sinsitra), Commercial and Marketing Director di LeasePlan Italia, ribadisce come si tratti di una “esigenza primaria per i clienti e rappresenti una delle priorità dei piani di sviluppo per il prossimo futuro”. 

 

 

 

 

Un servizio opzionale molto richiesto…

Il servizio non è compreso nel canone di noleggio, ma prevede un costo aggiuntivo: sia nel caso in cui venga fornita un’auto tramite il noleggio a breve termine (Rac) sia se viene utilizzata un’auto di proprietà del noleggiatore. “Nonostante sia un servizio opzionale, i due terzi delle aziende nostre clienti ce lo richiedono” dice Martini di Arval. Anche per LeasePlan l’auto sostitutiva non è compresa nel canone di noleggio e prevede un costo. Car Server utilizza auto di sua proprietà scelte in un parco di oltre 3.000 veicoli, il che permette alla società di offrire un servizio flessibile senza alcuna interruzione della mobilità del cliente e che incide solo in minima parte sul costo del noleggio. Per Ald il costo della vettura sostitutiva dipende dalla tipologia scelta e dai servizi accessori richiesti, ed è possibile effettuare un upgrade rispetto alla vettura noleggiata. “La nostra società può contare su un parco di vetture in proprietà – spiega Papa – dislocate presso i Premium point Ald. E dove è necessario la società utilizza vetture del Rac”.

 

…e comodo per il driver

Anche LeasePlan utilizza di solito vetture dei principali operatori di Rac sul territorio, ma da alcuni anni dispone di auto di proprietà presenti presso riparatori convenzionati, consentendo sia la consegna presso il riparatore sia presso l’azienda dell’assegnatario. Arval utilizza da più di due anni il servizio Arval Car replacement presso i riparatori che ne fanno richiesta, consentendo di ritirare l’auto presso l’officina di riparazione. Per Alphabet il servizio di auto sostitutiva ha un canone conveniente, secondo quanto riferisce Sticca, “tanto che alcuni clienti decidono in corso d’opera di aggiungere il servizio, potendo contare su tariffe di favore del noleggio short term e sui benefici di una gestione integrata a 360 gradi”. Fondamentale, per tutti gli operatori, la messa a disposizione della vettura nel luogo più comodo al driver: presso il riparatore dove viene effettuato il tagliando periodico. 

 

 

La tecnologia per ridurre i tempi

Per facilitare e velocizzare le procedure, Alphabet sta implementando la possibilità di richiedere l’auto sostitutiva anche tramite la sua app Alphabet Mobile Services. L’obiettivo comune a tutti gli operatori interpellati da Auto Aziendali Magazine è ridurre al minimo il tempo di fermo e far coincidere il luogo di consegna del mezzo sostitutivo con quello dell’officina e del luogo di fermo del veicolo da sostituire. In modo da ridurre i disagi per i driver.