Auto di lavoro o auto personale? – Gli esperti rispondono

di Davide De Giorgi e Carla Brighenti

QUESITO: Buongiorno, sono un dipendente di una ditta di costruzioni edili e molto spesso devo recarmi in cantieri anche fuori dal mio comune. Posso utilizzare la mia auto personale per raggiungere il luogo di lavoro o sono obbligato ad utilizzare l’auto aziendale? 

 

Nel caso in cui l’impresa imponga al dipendente l’uso dell’auto aziendale per recarsi presso il luogo di lavoro il dipendente non può scegliere tra l’utilizzo dell’auto aziendale messa a disposizione e la propria auto privata in quanto “obbligato” ad utilizzare l’auto aziendale. In taluni casi, infatti, utilizzare la propria auto in luogo dell’auto aziendale può essere interpretato dal datore di lavoro come un atto di grave inadempimento rispetto agli obblighi di diligenza e cooperazione richiesti dal contratto di lavoro. In altri termini, il dipendente non può agire di sua iniziativa ma deve seguire le linee guida impartite dall’azienda. In tal senso si è espressa di recente la Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n. 14453 del 9 giugno 2017. Con una pronuncia, destinata a fare discutere, i Giudici confermano il licenziamento del dipendente, in quanto da un lato era stato più volte esplicitato dall’impresa il divieto assoluto per i dipendenti di recarsi nel luogo di lavoro con auto privata, e dall’altro, il dipendente risultava più volte assente nell’orario di lavoro (l’assenza è stata registrata dalle ore 7.45 alle ore 8.15 e dalle 10.30 sino a fine turno).