Auto Aziendali magazine cambia faccia, e non solo

di Gian Primo Quagliano

Auto Aziendali magazine cambia faccia. Grazie all’impegno di Mariangela Canzoniero e Alessandro Ferri il primo numero del 2019 della nostra rivista si presenta con una grafica completamente nuova. Questo non significa che la grafica precedente non ci piacesse. È soltanto un modo per lanciare il messaggio che vogliamo affrontare con rinnovato impegno le sfide del mondo delle flotte aziendali che è alla vigilia di una grande rivoluzione per l’impatto di innovazioni decisive sia dal punto di vista tecnologico che da quello dell’approccio alla mobilità.

Il rinnovamento della nostra rivista non riguarda soltanto la grafica ma anche i contenuti. Stiamo infatti cercando di accentuare ulteriormente il nostro approccio alle tematiche dell’auto aziendale che vuole essere soprattutto rigoroso e sempre attento al futuro che incombe. Ed a proposito di futuro che incombe una vecchia conoscenza dei frequentatori dei nostri eventi, Lukas Neckermann, a cui affidammo la lectio magistralis di apertura della Fleet Manager Academy del marzo 2016, getta uno sguardo, nella sezione Scenari, sul futuro della gestione delle flotte ipotizzando che non sia lontano il tempo in cui il fleet manager guiderà la sua flotta da una sala di controllo piena di monitor come quelle che si vedono nei film

Sempre nella sezione Scenari il professor Luciano Bononi, che molti fleet manager hanno conosciuto per la lectio magistralis tenuta in apertura della Fleet Manager Academy dell’ottobre scorso a Bologna, ci parla invece dei controlli sempre più attenti che, privacy permettendo, si potranno fare non solo sui veicoli ma anche, ed in tempo reale, sui conducenti alla guida. Chiude la sezione Scenari un articolo di Matteo Quagliano sul Car as a Service con cui anche i fleet manager stanno già cominciando a fare i conti.

Il Focus di questo numero riguarda le novità per il 2019 sia per quanto concerne le offerte delle Case auto e delle società di noleggio che per quanto riguarda le nuove tecnologie. Nella fondamentale sezione dedicata alla Gestione delle flotte, il presidente di Aiaga, Giovanni Tortorici, affronta un tema molto difficile e di grande attualità: come calcolare il Tco per le auto elettriche e ibride. Pietro Teofilatto, direttore della sezione del noleggio a lungo termine di Aniasa, affronta poi la spinosa questione delle multe per le infrazioni al Codice della Strada alla luce della più recente normativa, mentre Robert Satiri, presidente della Giunta per la formazione permanente di Aiaga, interviene sul carattere sempre più intermodale della mobilità.

E poi ancora, in questo numero, Vincenzo Conte presenta una rilevazione originale sui driver, Graziella Marino nella sezione Norme & Fisco affronta la complessa questione dei principi contabili per il leasing e Giorgio Costa fa il punto sugli ecobonus illustrando la normativa per quanto riguarda le aziende.

E a proposito di ecobonus vogliamo segnalare che il Governo ha perso una buona occasione per favorire la transizione delle flotte verso auto ecologiche in quanto da un lato ha ammesso ai bonus anche le aziende per le acquisizioni in proprietà e in leasing, ma resta il dubbio se del bonus si possa usufruire anche per le auto destinate al noleggio a lungo termine. La questione non è di poco conto dato che, come è ben noto, le flotte fanno ricorso al noleggio a lungo termine in larghissima misura. I dubbi potrebbero essere chiariti con i decreti attuativi di cui si attende l’emanazione. L’auspicio è che il Governo provveda in senso favorevole alle flotte. E per chiudere parleremo finalmente delle belle automobili che stanno per uscire e di quelle che abbiamo già provato. Buona lettura.