Auto aziendale: ma quanto mi costi?

di Gian Primo Quagliano

Quello che state leggendo è un numero di Auto Aziendali Magazine particolarmente ricco e interessante. Innanzitutto vi segnaliamo un nuovo servizio che verrà sistematicamente aggiornato e che riguarda i costi di esercizio standard di molti modelli di autovetture a benzina, a gasolio e con alimentazione verde. Si tratta di una elaborazione del Centro Studi Promotor sui dati dell’Aci che può essere molto utile per il fleet manager sia per confrontare a parità di condizioni i costi di modelli diversi sia per confrontare i propri costi a consuntivo con un costo standard affidabile.

Questa è la prima novità che trovate in questo numero. C’è n’è un’altra di uguale rilievo che è la prova di un nuovo modello (per l’esattezza la Mazda CX-5) fatta da un nostro giornalista in collaborazione con un fleet manager che può esprimere giudizi autorevoli sull’idoneità del modello all’impiego aziendale. Dopo queste due novità trovate uno spazio importante dedicato alla gestione delle flotte a cura di autorevolissimi fleet manager. Giovanni Tortorici ci parla del fleet manager 4.0, Robert Satiri presenta interessanti considerazioni sull’alimentazione da scegliere nella transizione all’auto elettrica e Filippo Manara ci parla delle cautele da adottare per le auto da affidare al personale in prova.

Troviamo quindi due interviste a esponenti di primissimo piano del mondo dell’auto: Alessandro Grosso responsabile fleet business & sales della regione Emea di FCA e Giacomo Carelli, CEO di FCA Bank. Poi, nel cuore della rivista, trovate un focus su una questione di grandissima attualità e cioè sulle soluzioni verdi per le flotte. Strettamente legato a questo tema vi è un contributo di Graziella Marino sulle stazioni di rifornimento del futuro. È un importante articolo di scenario ma non è l’unico perchè nella seconda parte della rivista, dedicata agli approfondimenti, troviamo un importante intervento di Luciano Bononi sul ruolo delle app nella mobilità del futuro, un contributo di Ermanno Molinari sulla necessità di motivare i driver nella transizione all’auto elettrica e un approfondimento di Matteo Quagliano sul futuro prossimo venturo per le flotte, che vedranno migliorare sempre di più la loro efficienza grazie ad un impiego sempre più massiccio di tecnologia e telematica. E ancora sul futuro prossimo venturo, per quanto riguarda i servizi, un articolo di Marco Lanzoni sulle assicurazioni alle prese con la nuova frontiera della mobilità.

Di notevole interesse è anche il servizio di Giorgio Costa su un importante flotta pubblica, quella dell’azienda Usl di Bologna, che affronta il tema del passaggio dalla proprietà al noleggio e della transizione verso le soluzioni verdi. Non potevamo infine dimenticare due eventi particolarmente importanti. Il primo è l’assemblea annuale di Aniasa in cui il presidente Massimiliano Archiapatti e il direttore generale per il noleggio a lungo termine, Pietro Teofilatto, hanno tracciato il consuntivo del settore in Italia che ha visto negli ultimi anni una crescita di rilievo anche per effetto dei superammortamenti, che nel 2019 sono ancora in vigore per i veicoli commerciali, ma non si possono più applicare alle autovetture con tutto quello che ne consegue in termini di possibile crescita dei canoni di noleggio.

Il secondo evento che abbiamo lasciato in fondo alla rivista per modestia, in quanto realizzato dalla nostra organizzazione, è l’ottava edizione di Company Car Drive a Monza: ancora un grande successo. E per finire in bellezza (per chi come noi ama l’auto) la sezione dedicata alle novità e alle prove di tante bellissime nuove proposte per le flotte.