Auto aziendale: il ruolo della motivazione

di Alessandro Brioschi
Auto aziendale il ruolo della motivazione
Seminario “Car policy, motivazione e soddisfazione dei driver” svolto durante Company Car Drive 2015 in cui è stata presentata la ricerca di Towers Watson

Solamente una percentuale residuale delle aziende operanti in Italia non possiede oggi una propria car policy. La possibilità di disporre di un’auto aziendale ad uso promiscuo rimane uno dei benefit più apprezzati dai dipendenti delle aziende italiane ed è uno strumento di fidelizzazione e motivazione ancora molto utilizzato nelle policy aziendali. Cambiano i desideri fra uomini e donne. L’importanza della personalizzazione.Le finalità di una politica di assegnazione dell’auto aziendale, accanto ad un pacchetto più ampio di benefit e servizi messi a disposizione dei collaboratori, possono essere riassunte nei seguenti fattori:

  • aumentare il benessere e la motivazione dei lavoratori (engagement);
  • attrarre e trattenere i migliori talenti;
  • ottenere i vantaggi fiscali e contributivi riconosciuti dalla normativa vigente;
  • aumentare la produttività dei dipendenti attraverso l’erogazione di un benefit “importante”.

Non c’è dubbio che un piano di benefit attentamente strutturato sia un elemento chiave nell’ambito della filosofia retributiva e premiante di un’azienda, sia in fase di recruiting (assunzione) che di retention (mantenimento) delle risorse chiave. Il complesso dell’offerta non monetaria (benefit) che viene messo a disposizione dei dipendenti, tuttavia, per poter essere efficace deve essere in grado di rispondere alle effettive esigenze dei collaboratori e puntare alla personalizzazione. Non più soluzioni standardizzate e automatismi dunque, bensì una gamma differenziata di benefit  che aiuti ad attrarre, trattenere e motivare le persone migliori nelle aree critiche dell’azienda. Auto-aziendale-il-ruolo-della-motivazioneQuanto, questi trend relativi all’offerta non monetaria sono già applicati o sono potenzialmente applicabili anche al benefit auto?

 

Criteri di assegnazione

Un esempio di segmentazione di genere, con riferimento all’apprezzamento del benefit auto, è mostrato nel grafico (pagina a fianco): le donne dimostrano un apprezzamento per l’auto aziendale pari all’effettivo possesso, mentre per gli uomini l’interesse dichiarato è decisamente superiore all’effettiva assegnazione di questo benefit. 

Di fatto, attualmente, il criterio di assegnazione del benefit auto rimane quello della categoria o ruolo aziendale. L’auto viene assegnata maggiormente per motivi di status ai Direttori, mentre diminuisce la percentuale di assegnazione per status tra Dirigenti e Quadri, con alcune eccezioni significative (la percentuali di Quadri nel settore farmaceutico è più elevata che in altri segmenti di business). Aumenta di conseguenza l’assegnazione per motivi di lavoro tra i Dirigenti che, se unita alla percentuale di assegnazione sulla base di una percorrenza minima annuale per motivi professionali, supera il 40%. Sembra in declino il criterio di segmentazione secondo la categoria contrattuale e di conseguenza l’automatismo tra promozione a Dirigente e l’assegnazione di un’auto aziendale. Se l’aspettativa di ricevere l’auto aziendale con la promozione alla dirigenza viene delusa, paradossalmente il benefit auto può trasformarsi da strumento di incentivazione e di fidelizzazione a una causa di malcontento e insoddisfazione.

La scelta del veicolo avviene prevalentemente tra una gamma predefinita di modelli per oltre il 65% dei casi e in modo trasversale tra le categorie sopracitate, in ambito commerciale e non; mentre al secondo posto, ma solo in circa il 20% dei casi, la scelta del modello è libera con un tetto massimo di spesa fissato dall’azienda. Va specificato, però, che tutte le aziende vietano la selezione di alcuni tipi di veicoli, soprattutto le auto sportive, le decappottabili, i furgoncini, le auto con 2 o 3 porte, i SUV e i modelli che superano un certo livello di emissioni di CO2.

Sostenibilità ambientale

L’attenzione delle aziende alla sostenibilità ambientale della propria flotta è una tendenza in aumento nelle aziende operanti in Italia tramite diverse iniziative mirate a:

  • incoraggiare i dipendenti a viaggiare meno facendo più uso delle video conferenze (93%);
  • facilitare il lavoro da casa (50%);
  • prevedere il parcheggio gratuito per bici e moto (42%);
  • prevedere una navetta aziendale per collegamento con i mezzi pubblici (23%);
  • prevedere prestiti per abbonamenti stagionali per coprire i costi del pendolarismo (17%);
  • incentivare l’utilizzo del car pooling anche con i dipendenti delle aziende limitrofe.

Fare scelte eco-sostenibili spesso implica anche un ritorno per l’azienda e non soltanto un modo responsabile di agire nei confronti di dipendenti, collettività e ambiente. Può aiutare le imprese a ridurre i costi ed ad ottenere una migliore reputazione all’esterno (Corporate Social Responsibility), ma anche all’interno dell’impresa, migliorando il clima aziendale e di conseguenza la produttività.

Molte delle iniziative sopra citate, accanto ai requisiti sempre più stringenti imposti dalle emissioni inquinanti e alla diffusione di mezzi alternativi, si inseriscono nel quadro dei servizi di welfare e smart working promossi dalle aziende ed atti ad aumentare la fidelizzazione e motivazione dei dipendenti in modo flessibile e più efficace.

I programmi aziendali si sono adeguati negli ultimi anni alle restrizioni di natura ecologica, ma molto rimane da fare dal punto di vista dell’adeguamento alle iniziative di welfare e di smart working (lavoro da remoto, mezzi di trasporto alternativi) e a criteri di segmentazione della popolazione e quindi di assegnazione meno tradizionali e automatici. Inoltre, nel nuovo quadro di riferimento, più articolato, dove le iniziative di smart working e welfare aziendale sono più diffuse e dove non è più valida l’equazione Promozione alla dirigenza=Assegnazione auto aziendale, le aziende sono chiamate ad introdurre iniziative di comunicazione ad hoc per riuscire a trasmettere in maniera efficace i contenuti della car policy, con l’obiettivo di mantenere o aumentare la motivazione e la fidelizzazione dei collaboratori.