Audi Q5 Sportback PHEV, Suv sportivo dal cuore verde

di Paolo Dotti

Suv coupè a cinque porte – Sportiva con tanto spazio a bordo – Oltre 60 km in modalità elettrica – 299 CV di potenza massima

Phev, l’acronimo che descrive le auto con alimentazione ibrida plug-in, sta diventando familiare a privati e aziende alle prese con l’ineluttabile transizione verso la mobilità sostenibile, una tecnologia che nell’abbinamento di motore elettrico e motore termico, unito alla possibilità di ricaricare la batteria attraverso una presa di corrente, rappresenta una soluzione ideale per arrivare, senza patemi, a un’auto elettrica pura. È quindi di grande attualità la Audi Q5 Sportback TFSI e, versione ibrida plug-in del modello centrale della famiglia Q di Ingolstadt e protagonista del settore premium delle flotte e dei noleggi.

UN CONCETTO VINCENTE

In Casa Audi le Sportback incarnano l’essenza del Marchio e sono l’espressione di un concetto che parte da lontano, dalla A3 Sportback, due volumi sportiva a cinque porte, del 2004 per poi essere perfezionato con la straordinaria A7 del 2010, la conferma che un coupè può conservare intatta la sua sportività anche con una carrozzeria a cinque porte, una soluzione progettuale e stilistica poi trasferita anche sugli Sport Utility con i quattro anelli.

Guarda anche: Audi Q5 Sportback PHEV: prova su strada

Il corpo della Q5 Sportback è muscoloso ma snello, caratterizzato nel frontale dalla grande calandra ottagonale incorniciata dalle ampie prese d’aria; i proiettori, che riprendono la firma luminosa portata al debutto dalla nuova generazione di Audi Q5, sono full LED nella configurazione di serie e a richiesta con tecnologia Audi Matrix LED.

La robusta linea di spalla che corre lungo le fiancate, congiungendosi ai montanti posteriori fortemente inclinati, fa apparire l’auto più lunga di quanto dicano le dimensioni (lunghezza 4,69 metri, larghezza 1,89, altezza 1,68). Le linee tese non devono trarre in inganno sull’abitabilità perché Q5 Sportback è un Suv funzionale e versatile che offre abbondanza di spazio a bordo (generoso il passo lungo 2,82 metri) per cinque adulti e un vano bagagli che ha una capienza che va da 650 a oltre duemila litri.

Il design coupè non cambia la fisionomia degli interni che riprendono quella della nuova Q5, con posizione di guida rialzata dalla quale è facile avere tutto sotto controllo, sia attraverso le superfici vetrate sia mediante l’alta tecnologia della quale il nuovo Suv coupè con i quattro anelli è equipaggiato: all’avanguardia della tecnica, secondo la più pura filosofia Audi.

CUORE HI-TECH

La Q5 Sportback TFSI e monta una strumentazione specifica che consente l’accesso a informazioni strettamente connesse alla tecnologia ibrida plug-in. Al powermeter, visibile sull’avveniristico Audi virtual cockpit, si affiancano le indicazioni riguardanti le prestazioni dell’auto, il recupero di energia, il livello di carica della batteria e l’autonomia residua. Sullo schermo touch del sistema MMI Plus vengono mostrati i flussi di energia, le statistiche sui consumi e i tempi di ricarica.
Questa grande mole di dati va oltre il puro fatto informativo ma, col tempo, insegna al guidatore nuovi comportamenti che lo portano a sfruttare al meglio la carica della batteria, a guidare in modalità elettrica pura ogniqualvolta questo sia possibile fino ad aumentare addiritura l’autonomia residua, come, ad esempio, nel traffico cittadino, utilizzando la frenata rigeneratrice.

Tutto ciò è ancora più rilevante nel caso delle aziende che non acquistano o noleggiano una PHEV solo per crearsi un’immagine virtuosa, ma con la consapevolezza di contribuire alla riduzione del Co2 che dipende, però, dal comportamento dei driver. Viaggiare in full-electric può compensare, inoltre, il maggior costo di una plug-in rispetto a una semplice ibrida.

IL PIACERE DI GUIDA

Il due litri TFSI della Q5 Sportback e è proposto in due livelli di potenza – 299 CV, la versione “50”, e 367 CV, la “55” – abbinati al cambio automatico S tronic a sette rapporti e alla trazione integrale quattro ultra. Il powetrain è composto dal 2.0 l turbo a iniezione diretta della benzina (265 CV e 370 Nm di coppia massima) e da un motore elettrico del tipo sincrono a magneti permanenti integrato nel cambio.

La Q5 Sportback 50 TFSI e quattro S tronic della nostra prova ha una potenza massima di sistema di 299 CV e con il contributo del propulsore elettrico la coppia massima sale a 450 Nm, un valore che lascia intuire le performance sportive premium della vettura e un comportamento fluido nel traffico cittadino, grazie anche alla rapidità e precisione della trasmissione S tronic.

Guidando la “50” in modalità ibrida si può passare da 0 a 100 km/h in appena 6,1 secondi e raggiungere la velocità massima di 239 km/h (135 km/h viaggiando in modalità elettrica), prestazioni che dimostrano le potenzialità della vettura ma che vanno ricercate con parsimonia se si vogliono contenere i consumi e giustificare l’acquisto di una “e” che può ridurre il consumo medio fino a 1,5 – 1,8 litri di benzina ogni 100 km. In ogni caso il piacere di guida della Q5 Sportback 50 TFSI e quattro S tronic non cambia e apprendere un nuovo stile di guida diventa anche divertente perché l’auto ha sempre una straordinaria reattività. In marcia, favorita anche dal baricentro basso, la Q5 ibrida plug-in non manifesta alcun rollio, anche quando si sceglie una guida particolarmente sportiva.

Di serie il nuovo Suv di Ingolstadt monta Audi Drive Select che imposta le funzioni della vettura secondo la modalità di guida selezionata mentre sono optional le sospensioni pneumatiche adattive. Misurata secondo i parametri del ciclo WLTP l’autonomia, fornita da una batteria da 17,9 kWh, può raggiungere i 62 km, una percorrenza ideale per chi fa commuting. Viaggiando in modalità Battery Charge il propulsore termico contribuisce alla riattivazione del motore elettrico in fase rigenerativa e permette di recuperare l’1% di ricarica ogni km percorso.

RICCA DISPONIBILITÀ DI ADAS

Tutte le Audi Q5 Sportback possono contare su di una vasta gamma di sistemi di assistenza alla guida. L’Audi pre sense city è di serie ed evita le collisioni arrivando anche alla frenata automatica della vettura. Il cliente è comunque libero di decidere il livello di sicurezza scegliendo fra le tecnologie a richiesta, come l’assistente alla svolta, l’avviso di uscita e il Collision avoid assist che assiste il guidatore nell’evitare un ostacolo individuando una traiettoria alternativa in funzione della distanza, degli ingombri e della posizione del veicolo che precede. Centrale è il ruolo dell’assistenza alla guida che combina le funzioni dell’adaptive cruise control, del traffic jam assist e dell’active lane assist.

Prezioso, soprattutto per le versioni Phev, è il predictive efficiency assistant che fornisce le indicazioni per uno stile di guida efficiente e votato al contenimento dei consumi. La nuova Q5 Sportback TFSI e è sempre connessa grazie a Audi connect e Audi connect plus che offrono molteplici servizi online, compresa la connettività Car-to-X che sfrutta l’intelligenza collettiva della flotta Audi circolante dotata di questa tecnologia. Le vetture, ad esempio, si scambiano informazioni ed eventuali avvisi di pericolo o traffico difficoltoso. La Q5 Sportback 50 TFSI e quattro S tronic e costa 66.750 euro nell’allestimento Business Advanced che comprende, fra l’altro, Audi Connect Navigation&infotainment Plus, sistema di navigazione MMI Plus con MMI Touch e Audi Virtual cockpit.