Arval annuncia il nuovo approccio “SMaRT”

Rendere le flotte più ecologiche, aiutando i propri clienti a definire le proprie strategie di sostenibilità. È questo, in sintesi, il nuovo approccio annunciato da Arval per supportare i propri clienti nella transizione energetica e che sarà implementato progressivamente nei diversi Paesi Arval nel corso dei prossimi mesi.

Il nuovo approccio si chiama SMaRT (acronimo che sta per Sustainable Mobility and Responsibility Targets) e si fonda su alcune tendenze che negli ultimi anni si stanno consolidando nel settore flotte, come ad esempio la crescente propensione verso le alimentazioni ecologiche, l’aumento di interesse nei servizi di mobilità alternativa e lo sviluppo di servizi basati sulla telematica.  

 

 

L’approccio SMaRT di Arval si propone di seguire 5 step. Il primo passo permette ai clienti di definire gli obiettivi di mobilità e di flotta, ottenendo concreti consigli da Arval Consulting sulle proprie specificità e sulle possibili strategie da adottare. La seconda fase consiste nell’analizzare la flotta sulla base di indicatori chiave di prestazione orientati alla CSR (Corporate Social Responsibility) al fine di stabilire la corretta strategia di sostituzione dei veicoli che la compongono.

Per quanto riguarda la terza fase Arval ha ideato e realizzato un nuovo configuratore “SMaRT”, che profila i driver attribuendo loro il veicolo ad alimentazione alternativa che più si adatta alle loro esigenze, con un’attenzione all’impatto CSR e al Total Cost of Ownership (TCO). La quarta fase è quella del “dialogo” sulle diverse opzioni di mobilità alternativa funzionali al cliente, mentre l’ultima fase è volta alla misurazione degli obiettivi raggiunti rispetto a quelli prefissati.