Advertisement

Anche il pneumatico fa la differenza

di Duilio Damiani

I pneumatici sono dispositivi fondamentali per garantire la massima efficienza e guidabilità delle vetture; questi aspetti sono molto importanti anche quando la mobilità è integrata nei processi lavorativi, come nel caso delle flotte aziendali. Una panoramica sui più attuali prodotti delle principali marche ci fornisce l’occasione per sondare il rapporto tra case produttrici di pneumatici e flotteSocietà di leasing, autonoleggio a breve, medio o lungo termine e flotte private. All’interno del vasto panorama motoristico queste entità rappresentano una quota sempre più importante del mercato automobilistico, alimentando i volumi di un indotto che non trascura gli aspetti legati al pneumatico, un componente cui viene affidata la nostra sicurezza negli spostamenti sulle strade e che incide significativamente sui consumi dell’autoveicolo.

Che sia per la manutenzione, l’assistenza o la sostituzione, le flotte rappresentano una clientela appetibile da fidelizzare, con i prodotti e con i servizi dedicati che le case di pneumatici possono oggi offrire. Ecco una panoramica sulle più significative – e aggiornate – gamme di pneumatici proposte dai principali produttori, con i modelli più efficienti riferiti alle scelte dimensionali affini agli autoveicoli di classe media, quelli di maggiore diffusione tra le flotte presenti in Italia.

imageBridgestone: l’equilibrato
La novità introdotta dal colosso nipponico per l’anno 2012 si chiama Turanza T001, successore del precedente Turanza ER300 ed evoluzione ultima in termini di sicurezza, comfort ed efficienza energetica. Il profilo battistrada dal nuovo disegno, con ampie scanalature longitudinali per il drenaggio dell’acqua, la presenza di nervature asimmetriche, che garantiscono un’elevata aderenza migliorando il comfort acustico, la struttura leggera della carcassa, ottimizzata nel peso dei materiali, consentono di rispondere nel modo più equilibrato alle attuali esigenze di mobilità. Tra i plus della nuova gamma, vi sono spazi di frenata sul bagnato ottimizzati del 2%, una resistenza al rotolamento ridotta del 19% e minore rumorosità. Concepito per soddisfare un’ampia varietà di autovetture, dalle utilitarie alle berlinette medio-piccole, fino alle più grandi stradiste di segmento C, il Turanza T001 è disponibile in un ampio ventaglio di dimensioni, per cerchi da 15 a 18 pollici.

Pur non esistendo prodotti finanziari specifici, un servizio dedicato alle grandi flotte è offerto dal network First Stop affiliato a Bridgestone, attraverso il quale vengono individuate le misure dei pneumatici che il rivenditore deve tenere in magazzino per la loro disponibilità immediata, e i servizi di assistenza ad-hoc imposti da singoli contratti. I tempi programmati di sostituzione e di rotazione con eventuali coperture stagionali, rientrano nel normale processo di accettazione su appuntamento, previa autorizzazione della società di noleggio.

imageContinental: lo sportivo
L’offerta di Continental è stata completata da questa primavera con il ContiPremiumContact 5, la linea di pneumatici indirizzata verso il medio di gamma, che presenta ottimali caratteristiche di guidabilità, comfort e sicurezza in ogni condizione stradale. Una carcassa irrigidita, ispirata ai modelli più sportivi del costruttore tedesco, consente una maggiore stabilità dimensionale, agevolando la risposta alle sollecitazioni dinamiche cui il pneumatico viene costantemente sottoposto. La scolpitura asimmetrica presenta un disegno tridimensionale, con marcate scanalature longitudinali, raccordate alle fasce battistrada laterali con intagli lamellari, in grado di garantire il migliore drenaggio d’acqua nelle situazioni di pioggia battente. Il generoso dimensionamento dei blocchi periferici, fino alla sommità della spalla, consente il massimo grip nelle manovre a velocità sostenuta, ovviando a quel fenomeno di microarrotolamento che, sotto l’effetto delle forze laterali, riduce la superficie d’impronta. Rispetto al modello precedente, il ContiPremiumContact 5 riduce gli spazi di frenata sul bagnato del 15%, pur offrendo una resistenza al rotolamento migliorata dell’8%. Indirizzato verso le gamme automobilistiche di classe media, è disponibile con misure per cerchi da 14 a 17 pollici.

L’interfaccia con l’utenza professionale del gruppo Continental, passa attraverso la rete FSC (Franchising Service Company Spa), che garantisce il servizio più completo e mirato alle necessità delle flotte aziendali, dalle sostituzioni programmate alla rotazione tra le coperture stagionali.

imageGoodyear: l’efficiente
Nel nome l’obiettivo: la migliore efficienza nel rotolamento, per il massimo risparmio di carburante e di usura del battistrada, senza compromessi nelle altre prestazioni. Con l’EfficientGrip di Goodyear l’accento è stato posto all’attenzione al basso impatto ambientale, con una resistenza al rotolamento migliorata mediante la tecnologia FuelSaving, che interviene sui processi produttivi e sui materiali impiegati. La tecnologia della struttura, che è stata recentemente evoluta anche in variante destinata ai Suv, prevede l’impiego di materiali alleggeriti, tale da ridurre il peso del 10%, così da produrre una minore dissipazione di energia con ridotta generazione di calore, dannoso per le performance e la durata del pneumatico. Le mescole prevedono l’uso di una particolare sostanza di rinforzo, con uno strato denominato CoolCushion, che in parziale sostituzione del nerofumo consente una maggiore stabilità termica, contribuendo all’efficienza di rotolamento. Con una disposizione dei blocchi sul battistrada ad angolatura e spaziatura variabile, è stata abbattuta l’emissione delle frequenza di rumore, mentre una lamellatura multifunzionale migliora le prestazioni di aderenza e frenata in presenza di fondo bagnato. La gamma dimensionale, particolarmente ampia, abbraccia dalle utilitarie alle ammiraglie, con cerchi compresi tra i 14 e fino ai 20 pollici di calettamento.

La gestione delle flotte per Goodyear rientra in un preciso programma di livello europeo, cui sono stati stanziati fondi significativi, che fa capo alla struttura 4Fleet Europe, il network strutturato su circa 5000 punti assistenza di elevata qualità. Un team specializzato offre come interfaccia con l’utenza professionale una piattaforma web avanzata, per il controllo e la gestione di ogni intervento, compresa la rotazione stagionale dei pneumatici.

imageMichelin: lo stradista
La novità di quest’anno nella gamma intermedia di Michelin si chiama Primacy 3, il nuovo prodotto che nella cifra della sua denominazione racchiude un triplice obiettivo: incrementare la sicurezza in tre diverse aree di performance, massimizzando l’aderenza in frenata, su asciutto e su bagnato, e la tenuta di strada in curva. Un risultato raggiunto intervenendo soprattutto sulle mescole componenti il battistrada, con ampio impiego di silice e di plastificanti a base resinosa, a tutto vantaggio di aderenza e scorrevolezza, ottenute mediante un nuovo processo di miscelazione degli elastomeri, vero punto critico nelle fasi produttive, per permettere ai vari componenti di legarsi tra di loro nel modo più omogeneo. Il disegno della fascia battistrada prevede la disposizione di incavi trasversali, conformati in modo da ridurre la deformazione dei blocchi in frenata, mantenendo il massimo grip anche in presenza di fondo bagnato. La fitta presenza di lamelle autobloccanti, con spessore incredibilmente piccolo – di 0,2 mm, ovvero da due a tre volte più sottili delle lamelle presenti sui pneumatici invernali -, compattandosi tra di loro creano una maggiore rigidità dei tasselli, migliorando l’omogeneità dell’impronta a terra.

Espressamente indirizzato verso gamme automobilistiche medio-alte, le dimensioni disponibili al momento del lancio commerciale del nuovo Primacy 3 includono misure comprese tra i 16 e i 18 pollici, escludendo, almeno fino al loro prossimo ampliamento, le vetture di fascia più bassa.

imagePirelli: l’evoluto
Cinturato Pirelli è un nome evocativo che ha caratterizzato la storia del marchio italiano negli anni ’60 e ’70. Con la gamma P7, introdotta nel 2009, si è idealmente completata l’offerta della famiglia Cinturato, recentemente implementata dal primatista P7 Blue, il nuovissimo pneumatico presentato in giugno alla fiera tedesca di Essen, tra i primi a poter esporre la doppia A sull’etichetta energetica che a fine anno sarà in vigore per i pneumatici in tutta Europa. Questa versione evoluta, denominata Blue e che affiancherà il tradizionale Cinturato P7, è frutto della tecnologia sviluppata da Pirelli in Formula 1, soprattutto per quanto riguarda la mescola Wet, che garantisce le migliori performance di frenata sul bagnato unite alla migliore efficienza, proprio i due parametri evidenziati dall’etichetta. Un risultato ottenuto mediante una carcassa realizzata con materiali evoluti, battistrada lamellare e spalla con flessibilità progressiva, che consente spazi d’arresto ridotti, circa 2,6 metri in meno a 80 km/h nel paragone con una gomma di classe B, e una resistenza al rotolamento abbassata del 23% rispetto a un prodotto di classe C. Disponibile da luglio inizialmente in 11 misure che diventeranno 16 entro la fine dell’anno.

Il nuovo servizio di assistenza, messo a disposizione da Pirelli e Rhiag, passa attraverso la piattaforma fornita dal Fleet Portal, il sito web – affiancato da un call center tecnico – mediante il quale i fleet manager possono gestire la manutenzione del proprio parco autovetture, con accesso ai network di officine e gommisti selezionati, intervenendo on-line anche per le autorizzazioni d’intervento e la consultazione delle fatturazioni centralizzate.

Lascia un commento