Alfa Romeo Tonale entra nella flotta dei Carabinieri

Saranno circa 400 le Alfa Romeo Tonale del primo lotto con configurazione specifica che verranno destinate ai nuclei radiomobile in tutta Italia

È stata consegnata simbolicamente a Roma al Comando Generale dei Carabinieri la prima Alfa Romeo Tonale che entrerà a far parte della flotta di vetture dell’Arma. All’incontro hanno partecipato le più alte cariche dei Carabinieri, di Alfa Romeo e di Stellantis in Italia. Saranno circa 400 le Alfa Romeo Tonale del primo lotto con configurazione specifica che verranno destinate ai nuclei radiomobile in tutta Italia.

Debutto per un C-SUV

Per la prima volta tra i veicoli dei Nuclei Radiomobile viene introdotta un’autovettura del segmento C-SUV. Tale diversificazione consente una maggiore versatilità nello svolgimento del servizio, nonché un incremento sensibile del livello di comfort garantito al personale operante, utile soprattutto per i turni prolungati. Il modello di Alfa Romeo Tonale presentato oggi è equipaggiato con il motore ibrido (benzina/elettrico) 1.5 da 163 cavalli con cambio automatico TCT a 7 rapporti. Rivestita dalla tradizionale livrea radiomobile (blu e rossa con tetto bianco), è dotata di una blindatura parziale per la protezione dei militari, di una monocellula per il trasporto in sicurezza delle persone fermate, nonché di una sirena elettronica bitonale e lampeggianti blu con luci a led.

Si rinnova il sodalizio

Si rinnova dunque Il sodalizio storico tra Alfa Romeo e i Carabinieri che ha origine nel secondo dopoguerra. Presso il Museo Storico di Arese nella sezione “Alfa Romeo in Divisa” è possibile effettuare un viaggio temporale attraverso tutti modelli che legano Marchio alle Forze Armate. Il sodalizio tra Alfa Romeo e l’Arma dei Carabinieri è storico ed ha origine nel secondo dopoguerra; la prima Alfa Romeo dell’Arma fu la 1900 M “Matta” nel 1951. Un anno dopo, con la berlina 1900, nasce la Gazzella, che nel linguaggio dell’Arma, rappresenta il concetto di pronto intervento. La sua discendente diretta fu la Giulia degli Anni ’60, che venne impiegata dal 1963 al 1968. Da allora il legame tra l’Arma e Alfa Romeo è proseguito negli anni: Alfetta, 90, 75, 155, 156 e 159, arrivando fino alla Giulia Quadrifoglio.