Advertisement

Accordo FCA-PSA, via libera alla fusione

L’accordo tra le due società porterebbe alla nascita di un gruppo automobilistico da 50 miliardi di dollari (45 miliardi di euro), in grado di vendere quasi 9 milioni di auto e di piazzarsi al quarto posto nella classifica globale dei costruttori.

Dopo le indiscrezioni degli ultimi giorni, la conferma ufficiale è arrivata: il matrimonio tra FCA e PSA per creare un nuovo colosso mondiale dell’auto si farà.

I due gruppi automobilistici – annunciano in una nota congiunta le due società – progettano di unire le forze “per creare un leader mondiale in una nuova era della mobilità sostenibile”. Il nuovo gruppo che nascerà dalla fusione sarà controllato al 50% dagli azionisti del gruppo PSA e al 50% dagli azionisti di FCA.

Il consiglio di amministrazione della società Fca-Psa sarebbe composto da 11 membri: 5 saranno nominati da Fca (incluso John Elkann) e 5 nominati da Psa (inclusi il senior independent director e il vicepresidente). Nel board ci sarà anche il ceo Carlos Tavares che avrà un mandato iniziale di 5 anni. “Sinergie annuali a breve termine stimate in circa 3,7 miliardi di euro, senza chiusure di stabilimenti“, è uno degli obiettivi che si raggiungerebbero con la creazione del nuovo gruppo.

L’operazione porterà alla nascita del quarto costruttore al mondo con 8,7 milioni di auto vendute alle spalle di Gm, Volkswagen e l’alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi. Oltre 400.000 i dipendenti. Il fatturato sfiorerà i 200 miliardi di euro.