ABB e AXPO insieme per lo sviluppo dell’idrogeno

ABB e Axpo collaborano ad un progetto per rendere l’idrogeno verde più accessibile ed economicamente sostenibile.

ABB ha annunciato la collaborazione con l’utility svizzera Axpo per sviluppare impianti modulari di produzione di idrogeno verde in Italia, con l’obiettivo di creare un modello operativo in grado di produrre idrogeno verde a prezzi accessibili. Per realizzare la visione comune di un idrogeno verde più accessibile, le due aziende uniranno le loro competenze complementari.

Da un lato la leadership di ABB nell’automazione, elettrificazione e digitalizzazione degli impianti industriali; dall’altro le competenze di Axpo come affermato fornitore di energia. Il lavoro iniziale includerà studi di fattibilità volti a esplorare le possibilità di riduzione dei costi operativi e garantire basse emissioni di CO2, con l’obiettivo di identificare le sinergie che permetteranno una produzione di idrogeno verde standardizzata, modulare, efficiente e flessibile.

LA NUOVA FRONTIERA DELL’IDROGENO

Sergio Durando, Head of ABB Energy Industries Italia ha commentato: “Come partner tecnologico ci concentriamo sulle aree in cui possiamo realmente fare la differenza. In questo progetto vogliamo fare leva sulle nostre tecnologie di automazione, elettriche e digitali e sulla nostra esperienza nel settore per minimizzare il costo totale di produzione di idrogeno verde, che include anche la riduzione dei costi di gestione dell’impianto. Questo e essenziale per sbloccare il potenziale dell’idrogeno verde e consentirne un’ampia diffusione in futuro”.

Simone Rodolfi, Head of Origination & Business Development di Axpo Italia, ha commentato: “Siamo fortemente impegnati ad esplorare il potenziale dell’idrogeno verde come parte della nostra strategia per favorire la transizione energetica. Negli ultimi anni ABB e Axpo hanno ampiamente collaborato e l’accordo di oggi rafforza questa partnership, consentendo ad entrambe le aziende di candidarsi a diventare attori rilevanti in questo promettente segmento”.

Leggi anche: Mobilità Aumentata by ABB: il futuro non è un luogo comune