A Vallelunga auto aziendali in festa

di Piero Evangelisti

imageGrande successo per Company Car Drive, la manifestazione dedicata al mondo delle flotte aziendali che si è svolta all’autodromo di Vallelunga il 18 e 19 aprile scorsi. A testimoniarlo sono i numeri di questa prima edizione: oltre 400 fleet manager presenti e più di 2.600 test drive effettuati.La creatività e l’innovazione possono battere la crisi. Lo ha dimostrato, nelle giornate del 18 e del 19 aprile, Car Company Drive, un’iniziativa assolutamente inedita per l’Italia organizzata da GL events Italia in collaborazione con Econometrica, l’editore di Auto Aziendali Magazine. L’evento pensato per fare incontrare domanda e offerta del settore delle auto aziendali con una formula nuova e stimolante in un ambiente assolutamente neutro e particolarmente idoneo per le prove di auto.

Per l’incontro fra Case automobilistiche, altre aziende che offrono beni e servizi per l’auto aziendale e fleet manager, acquirenti e gestori di flotte aziendali è stato infatti scelto l’autodromo Piero Taruffi di Vallelunga, una location carica di storia delle competizioni automobilistiche, ma allo stesso tempo dotata di modernissime strutture congressuali, con ampi spazi e con percorsi alternativi offroad e di guida sicura, che, insieme alla pista, consentono di valutare fino in fondo le doti di ogni tipo di veicolo: dalla citycar elettrica al veicolo commerciale, dalla supercar ibrida allo Sport Utility di taglia extra large.

Un evento originale“ Siamo veramente soddisfatti per la riuscita di questa edizione di Company Car Drive – ha dichiarato Giada Michetti, AD di GL events Italia – un evento che si è svolto secondo un format assolutamente originale, che ha coniugato la teoria e la prassi dell’auto aziendale ed è stato giudicato di grande interesse sia dai fleet manager sia dalle Case automobilistiche e dalle aziende del settore che hanno partecipato”. I “numeri”, del resto, parlano chiaro: oltre 400 fleet manager registrati che, nelle due giornate, sono stati protagonisti di 2.664 test drive equamente divisi sui cinque tracciati messi a disposizione. A sancire il successo dell’iniziativa, oltre ai numeri, c’è la soddisfazione dei fleet manager, sintetizzata da Giovanni Tortorici, presidente di Aiaga, l’Associazione Italiana Acquirenti e Gestori Auto Aziendali, che ha dato il suo patrocinio all’evento: “Company Car Drive rappresenta una tappa importante nel percorso che abbiamo iniziato un anno fa per valorizzare la figura ed il ruolo dei fleet manager, per lo sviluppo di una mobilità aziendale efficiente e compatibile con le vecchie e le nuove sfide che l’economia e la società propongono alle imprese”. Importanti, in questo senso, sono stati i seminari che, in un mix equilibrato, fra teoria e pratica, hanno affrontato i temi più attuali per i manager delle aziende nella grande Sala Convegni dell’Autodromo dove si è svolta anche l’assemblea degli associati di A.I.A.G.A e la consegna, per la prima volta in Italia, dei Fleet Italy Awards di cui vi parliamo nell’articolo successivo.

I partecipanti
Lunga è la lista delle Case automobilistiche presenti che hanno dimostrato di credere nel valore dell’evento portando a Vallelunga non soltanto la gamma completa dei loro prodotti ma anche alcune “première” per il mercato italiano, un attestato di stima verso i partecipanti ed il ruolo che essi oggi ricoprono nelle dinamiche del mercato. Accompagnate da folte squadre di manager delle aziende, di tecnici e di collaudatori, hanno schierato le loro vetture : Chevrolet (al centro dell’attenzione l’elettrica plug-in Volt, Car of the Year 2012), Citroën, che ha portato il nuovissimo Aircross, Fiat Group Automobiles, con i brand Abarth, Alfa Romeo, Lancia, Chrysler, Jeep e ovviamente Fiat che ha presentato anche il crossover compatto 500 L, alla seconda uscita ufficiale dopo il debutto avvenuto all’inizio di marzo al salone dell’Auto di Ginevra. E poi Hyundai, che ha anche messo a disposizione il servizio di navetta fra i parcheggi dell’Autodromo e il piazzale espositivo, Lexus con la nuova Gs450h, ammiraglia ibrida esposta insieme alla nuovissima Toyota Prius Plug-in, Mercedes-Benz, presente con vetture e commerciali, che ha fatto vedere e toccare, ma non guidare, l’attesissima Classe A. Grande interesse alla Peugeot per la nuova 208 e per la small car elettrica iOn, gettonatissima insieme alla gemella Citroën C-zero; versatili veicoli commerciali alla Piaggio e giganti del lusso, anche con il cuore ibrido, alla Porsche. Ancora l’elettrico in evidenza con la smart electric drive; up! e Maggiolino, le novità di Volkswagen, insieme alla classica Passat e infine Volvo con la gamma “60” al completo.

Le prove
L’alto numero di prove svolte non basta per descrivere l’intensa attività di cui vetture e guidatori sono stati protagonisti, con un flusso contino, e sempre ordinato, verso i cinque percorsi di prova: due in pista, per provare handling, accelerazione, ripresa, frenata e stabilità di marcia, e due in offroad di difficoltà crescente, ancora più probanti il secondo giorno, con il fango prodotto dall’abbondante pioggia caduta la notte precedente che ha però risparmiato le due giornate dell’evento. Quinta prova il percorso Safety, un’altra delle esclusive dell’Autodromo Piero Taruffi, un tracciato dove è possibile riprodurre situazioni estreme come l’aquaplaning o la frenata d’emergenza di fronte a un ostacolo improvviso o su fondi bagnati. Adeguatamente preparati durante un briefing tenuto dagli istruttori della Scuola di Guida Sicura Aci di Vallelunga, i fleet manager, muniti, a quel punto, di un braccialetto senza il quale era impossibile entrare in pista, pur non disdegnando la guida sportiva, hanno interpretato correttamente lo spirito dei test, che non era quello di fare il giro più veloce, ma di approfondire la conoscenza delle vetture sfruttando appieno la possibilità di fare confronti, un’opportunità che nel nostro Paese è soltanto Company Car Drive a offrire. In molti casi, poi, sono state le stesse Case a mettere a disposizione i propri driver per far vivere qualche emozione in più ai partecipanti accomodati, questa volta, sul sedile del passeggero. Pur non essendoci competizione, l’Autodromo ha schierato una completa squadra di commissari che hanno garantito la totale sicurezza delle prove regolando in modo preciso l’ingresso e l’uscita delle vetture dalla pista, e pronti a sventolare le bandiere in caso di comportamenti anomali che non si sono verificati. L’entusiasmo colto nelle parole e sui volti dei partecipanti, oltre a confermare che la formula di Company Car Drive è vincente, è stato anche il segnale che la passione, quando si tratta di automobili, non deve necessariamente soccombere di fronte al business e alla ricerca di una mobilità sostenibile al centro della quale, comunque, c’è sempre l’individuo. Analoga soddisfazione è stata espressa dalle Case automobilistiche che a Company Car Drive hanno dispiegato staff numerosi di personale specializzato per soddisfare le richieste dei partecipanti. Una valutazione più che positiva anche in funzione delle future edizioni di Company Car Drive.

I servizi per le flotte
All’interno del centro congressi di Vallelunga hanno trovato posto le aree espositive, i punti d’incontro delle aziende che hanno scelto di sponsorizzare Company Car Drive, evento cruciale anche per chi fornisce prodotti accessori e servizi sempre più “tailor made” dedicati alle flotte aziendali, dal renting alla telematica fino ai pneumatici. In questa agorà, collocata all’ingresso della sala convegni, erano presenti Ald Automotive, Arval Service Lease, Autobynet, Automotive, BBVA AutoRenting, Continental Italia. eni, Leasys e Telepass. Fra gli sponsor anche Co.Me.T. Officine che ha presentato sul piazzale gli ultimi modelli di piattaforme aeree dalle quali è stato possibile riprendere panoramiche mozzafiato del piazzale, sempre in piena attività, e delle auto in pista. Molti sono stati i fleet manager che hanno scelto di essere presenti in entrambe le giornate per effettuare il maggior numero di prove (non c’erano limiti anche per la prova dello stesso modello) e poter seguire il programma, identico per le due giornate, dei tre seminari organizzati e curati da A.I.A.G.A., Econometrica e Fondazione Alma Mater dell’Università degli Studi di Bologna. Sempre affollati, e apprezzati nei giudizi dei partecipanti, hanno toccato temi di strettissima attualità e analizzato le prospettive dell’auto aziendale.

I seminari
Il primo seminario, sponsorizzato da Mercedes-Benz e intitolato “Il fleet manager come partner strategico per la creazione di valore d’impresa”, ha inquadrato, negli interventi dei relatori – Angelo Paletta, professore di Economia Aziendale all’Università di Bologna, e Marco Terrusi, Responsabile Vendite Flotte di Mercedes-Benz Italia – la figura del fleet manager come una vera e propria opportunità di investimento per l’azienda, come gestore di asset aziendali fondamentali e quindi interprete di un ruolo cruciale nelle strategie di Corporate Social Responsibility (CSR). La “Gestione del Total Cost of Ownership delle flotte aziendali” è invece stato il tema del secondo seminario, sponsorizzato da Fiat Group Automobiles, tenuto ancora dal professor Paletta insieme a Nicola Pumilia, European Fleet Sales Director di FGA. Al centro dell’intervento del docente dell’ateneo bolognese i riflessi della crisi sulla gestione dell’auto aziendale e la possibilità che la salvaguardia dell’ambiente divenga una strategia di riduzione dei costi. Strettamente connesso è l’argomento scelto per il terzo seminario – “L’auto elettrica nelle flotte” – sponsorizzato da Arval e Enel, durante il quale sono intervenuti Andrea Solari,Vice Direttore di Arval Service Lease Italia, e Michele Ricco, Responsabile Progetti di Sviluppo e Gestione dell’auto elettrica nella flotta Enel. A coordinare i seminari nelle due giornate, con spunti sempre stimolanti per i relatori, si sono alternati Gian Primo Quagliano, Presidente di Econometrica, insieme a Giovanni Tortorici e Ermanno Molinari, rispettivamente presidente e segretario generale di A.I.A.G.A.

Company Car Drive: il successo in numeri
BRAND AUTO PRESENTI
13 Case auto: Chevrolet, Citroen, Fiat Group Automobiles (con i brand Abarth, Alfa Romeo, Fiat, Jeep e Lancia), Hyundai, Lexus, Mercedes-Benz con vetture e veicoli commerciali, Peugeot, Piaggio Veicoli Commerciali, Porsche, smart, Toyota, Volkswagen, Volvo.

SPONSOR PRESENTI
10 sponsor che hanno presentato la loro offerta di beni e servizi per le flotte: Ald Automotive, Arval Service Lease, Autobynet, Automotive, BBVA AutoRenting, Co.Me.T. Officine, Continental Italia, eni, Leasys e Telepass.

FLEET MANAGER PARTECIPANTI
415 fleet manager che hanno effettuato 2.664 test drives suddivisi in 1.386 la prima giornata e 1.278 la seconda.

ANTEPRIME NAZIONALI
4 anteprime: Chevrolet Malibù, Lexus GS450H, Fiat 500 L, Mercedes Classe A.

SEMINARI
331 fleet manager hanno seguito i seminari organizzati da Fondazione Alma Mater dell’Università degli Studi di Bologna, Econometrica e A.I.A.G.A.

Lascia un commento