A.I.A.G.A: accordo di collaborazione con NAFA

di Giovanni Tortorici

image

NAFA (National Fleet Management Association):
la più grande associazione mondiale di fleet manager
NAFA, l’associazione di fleet manager nordamericani è la più grande associazione di fleet manager a livello mondiale. Costituita nel 1957, associa oltre 3.000 fleet manager che gestiscono più di 3,5 milioni di veicoli di aziende ed enti degli Stati Uniti e del Canada. L’obiettivo principale dell’associazione è quello di fornire ai fleet manager gli strumenti per raggiungere il più alto livello di co•mpetenza per lo svolgimento del proprio ruolo professionale. Tutto ciò avviene non solo promuovendo attività di formazione, ma anche grazie alla condivisione delle competenze, alle relazioni con le aziende e le pubbliche amministrazioni e ad una vasta gamma di servizi rivolti in esclusiva agli associati. NAFA, infine, organizza anche numerosi eventi, tra questi, si segnala l’International Fleet Academy, la cui terza edizione si terrà dal 21 al 23 ottobre prossimi a Tucson, in Arizona.

Non c’è dubbio che il 2013 segnerà per A.I.A.G.A.(l’associazione italiana degli acquirenti e gestori di auto aziendali) una tappa fondamentale del proprio percorso di crescita e di riconoscimento internazionale. L’accordo di collaborazione recentemente siglato con NAFA (la più grande associazione mondiale dei professionisti che gestiscono oltre 3,5 milioni di veicoli nelle aziende ed enti degli Stati Uniti e del Canada) è un risultato di grande prestigio e di cui siamo particolarmente orgogliosi. Un riconoscimento internazionale, questo di NAFA, che giunge a compimento di quanto realizzato da A.I.A.G.A. al servizio del mercato delle flotte aziendali e dello sviluppo della professione di fleet manager aziendale nel nostro Paese. Proprio su questa base, infatti, sono stati definiti i contenuti del Memorandum d’Intesa sottoscritto dalle due associationi e che appunto prevede: “la condivisione di esperienze, lo studio e l’approfondimento di temi di reciproco interesse con il comune obiettivo dello sviluppo della gestione efficiente e sostenibile delle flotte aziendali”.

 

imageIl Learning Center
L’accordo, in particolare, pone le basi di un’iniziativa inedita per il settore con l’attuazione di un “centro permanente di formazione” al servizio dei fleet manager. Si tratta, cioè, della realizzazione di un “learning center virtuale che, online sui rispettivi siti web delle due associazioni, metterà a disposizione materiali di consultazione e studio per la formazione dei membri di NAFA ed A.I.A.G.A.”.

La collaborazione ai fini della formazione professionale e della condivisione delle esperienze è certamente il contenuto fondamentale dell’accordo. Lo sviluppo del mercato delle flotte aziendali è sempre più caratterizzato da logiche globali, ed in questo senso la collaborazione tra NAFA ed A.I.A.G.A. potrà consentire di ampliare le competenze professionali dei fleet manager associati, per operare al meglio nei rispettivi mercati.

“Le attività dei fleet manager aziendali – ha, a questo proposito, commentato Phil Russo, direttore esecutivo di NAFA – non possono più essere rinchiuse entro confini geografici delimitati e per questo da tempo prestiamo grande attenzione alle strategie globali di gestione delle flotte, inserendo apposite sessioni nei nostri convegni e sviluppando la nostra International Fleet Academy. Ora con questo accordo con A.I.A.G.A. realizziamo un importante obiettivo aprendoci ulteriormente al contatto con l’Europa”.

Le associazioni dei fleet manager
In ogni buon conto, l’apertura internazionale di A.I.A.G.A. è un fattore necessario di sviluppo associativo finalizzato alla crescita professionale dei fleet manager. L’opportunità di potersi confrontare con altri arricchisce ed in questo senso A.I.A.G.A. ha da sempre operato aprendosi al confronto con la massima trasparenza. Da ACFO (Association of Car Fleet Operators) in Gran Bretagna, a VDR (Verband Deutsches Reisemanagement) in Germania, ad ARFA (Agora des Responsables des Flottes Automobiles) in Francia, a Fleet Corner (Association des responsables et gestionnaires de flotte de véhicules de société) in Belgio sono queste le realtà associative professionali dei fleet manager che, oltre ad A.I.A.G.A., operano attualmente in Europa. Alcune di queste associazioni, il caso ad esempio dell’anglosassone ACFO attiva fin dal 1970, hanno nel tempo accumulato un know-how ed una quantità di esperienze talmente notevole da costituire un’opportunità davvero importante per la crescita anche delle associazioni di più recente costituzione.

Le aree di scambio
La prima area di collaborazione interassociativa è sicuramente lo scambio di esperienze che per quanto realizzate in realtà geografiche differenti, offrono sempre notevoli spunti di applicazione.Non si tratta comunque della mera riproposizione di format esteri, ma di una modalità di analisi di altre esperienze al fine di cogliere spunti utili da applicare all’interno della propria realtà. Così come è ad esempio avvenuto nel caso di A.I.A.G.A. con l’introduzione dei Fleet Italy Awards, un’iniziativa che premia le migliori esperienze di gestione delle flotte nel nostro Paese e che, pur prendendo spunto dai Fleet Europe Awards, ha fin dall’inizio assunto una sua originale connotazione. Sempre con riferimento all’esperienza italiana, molto abbiamo imparato da quanto realizzato dall’associazione inglese ACFO con la quale abbiamo nel tempo consolidato una relazione davvero molto proficua. E proprio questo stretto contatto con ACFO ci ha aiutato anche a cogliere aspetti evolutivi di particolare importanza che riguardano il nostro settore.

Come, ad esempio, il fatto che la responsabilità della flotta aziendale non è attribuita all’interno di aziende ed enti pubblici ad un’unica area organizzativa. Bensì, proprio come avviene anche nel nostro Paese, i membri appartenenti ad ACFO sono gestori di flotta con responsabilità all’interno delle rispettive aziende nell’area amministrativo-finanziaria, nei servizi generali, nelle risorse umane, negli acquisti.

 

image

Le aree comuni dell’attività associativa
Un’associazione come precisa il nostro Codice Civile è un “ente costituito da un insieme di persone fisiche o giuridiche legate dal perseguimento di uno scopo comune”. Il ruolo delle associazioni è quindi quello di dare voce ai propri associati e supportarne i bisogni ed in questo senso la caratteristica comune di tutte le associazioni internazionali di fleet manager è la creazione di un luogo permanente di condivisione di esperienze al servizio degli aderenti. Di norma i servizi messi a disposizione degli associati sono:

  • Accesso all’area riservata del sito istituzionale dell’associazione
  • Gruppi di discussione e forum
  • Documentazione e guide di riferimento
  • Network con fleet manager di altre aziende
  • Seminari
  • Conferenze
  • Accesso all’archivio
  • Metodi/tools per la gestione flotta
  • Indagini sulle flotte
  • Benchmarking
  • Best Practies
  • Fleet Awards annuali
  • Agevolazioni per partecipazione ad eventi di terzi
  • Partecipazione agevolata a corsi universitari sul Fleet Management
  • Comunicazioni e notizie sul settore
  • Contatti con enti governativi al fine di rendere note le necessità dei fleet manager aziendali

Esiste poi anche un’altra area, dell’offerta delle associazioni di fleet manager, rivolta direttamente a fornire contatti e relazioni utili sia dell’industria automotive sia dei fornitori di beni e servizi per il settore delle auto aziendali, nella forma, ad esempio, di:

  • Elenco di fornitori del settore
  • Sconti su adesione ad eventi organizzati attraverso l’associazione
  • Possibilità di esporre marchi attraverso le sponsorizzazioni
  • Opportunità di fare pubblicità dei propri prodotti e servizi

Il Learning Center di NAFA-A.I.A.G.A.
Mettere a disposizione dei gestori delle flotte aziendali, uno spazio virtuale di formazione, è quanto, in particolare, prevede l’accordo sottoscritto da NAFA ed A.I.A.G.A. Per facilitare ed accrescere le opportunità formative e le competenze dei fleet manager, le due associazioni realizzeranno “un’area online sempre accessibile attraverso i rispettivi siti web”. Lo “spazio virtuale per la formazione” sarà facile da usare, gratuito e sempre disponibile online per i membri di NAFA e A.I.A.G.A. semplicemente previa loro registrazione. Ma cosa conterrà? Secondo l’accordo: “servizi, materiali, testimonianze e contenuti didattici utili per l’auto-apprendimento e la formazione a distanza in materia di fleet management”.
Il punto di partenza sarà fornito dalla messa online dei contenuti didattici del prossimo “Corso universitario per fleet manager” realizzato da A.I.A.G.A. ed Econometrica in collaborazione con l’Università degli Studi di Bologna, completando il progetto formativo online, con la possibilità per gli studenti e gli iscritti di visionare sul web tutti i contenuti didattici e l’altro materiale di approfondimento. Si tratterà, ad esempio, di dispense didattiche, articoli con testimonianze e videointerviste di fleet manager, resoconti di case history di flotte aziendali, materiale bibliografico, glossario terminologico ed altro ancora.
Per ciò che riguarda le tematiche trattate, esse riguarderanno la gestione tecnica, fiscale ed amministrativa dei parchi auto, le soluzioni per l’auto aziendale (acquisto in proprietà, leasing, noleggio a lungo termine, fleet management), la redazione del documento di Corporate Car Policy che precisa i criteri di utilizzo ed assegnazione ai dipendenti dell’auto aziendale. Altri temi importanti saranno la stretta connessione operativa tra ruolo del responsabile della flotta e la direzione aziendale delle risorse umane, il ruolo del fleet manager nelle strategie aziendali, la sostenibilità ambientale della flotta e la gestione operative del parco auto. Inoltre, ampio spazio sarà dedicato allo studio del TCO (Total Cost of Ownership), dei costi di esercizio e della “fleet balanced scorecard”, una metodologia innovativa per rappresentare e valutare più compiutamente i costi aziendali della flotta.

Comunicare la strada per il futuro
Collaborare significa quindi innanzitutto operare insieme per creare opportunità comuni di crescita. E ciò vale nella costruzione di relazioni sia con le altre associazioni europee sia con tutti gli altri interlocutori associativi. Per questo motivo, nel corso di questi anni abbiamo stretto collaborazioni con due grandi società editoriali internazionali del settore della mobilità aziendale: Nexus Communication (Belgio) e Bobit Business Media (USA). Con Nexus Communication abbiamo relazioni fin dalla nascita di A.I.A.G.A. ed abbiamo collaborato anche al lancio della loro piattaforma di Smart Mobility, mentre con Bobit Media Business, la relazione è più recente ed ha cominciato a consolidarsi all’inizio del 2013. Negli scorsi mesi, proprio queste due organizzazioni hanno congiuntamente dato vita alla prima conferenza globale sulle flotte: www.globalfleetconference.com che si è tenuta a Phoenix (USA) dal 30 settembre al 1 ottobre, mentre nel 2014 la seconda conferenza globale si terrà in Europa. A.I.A.G.A. è presente in entrambi gli appuntamenti in quanto rappresenta il nostro Paese all’interno del Global Fleet Advisory Board, l’organismo di gestione e di indirizzo dell’iniziativa.