A Fleet Manager Academy la sfida della sostenibilità nelle flotte

di Gennaro Speranza

La prima sessione del 2020 di Fleet Manager Academy è la 15^ edizione dell’evento e si terrà a Milano. Centrale, tra gli argomenti che saranno affrontati, lo sviluppo di nuove soluzioni di mobilità sostenibile che stanno arricchendo il panorama dell’offerta a disposizione dei fleet manager.

Quindici edizioni sono una cifra notevole, anche per Fleet Manager Academy, che è il più importante evento in Italia dedicato all’aggiornamento e alla formazione professionale degli acquirenti e gestori di flotte aziendali. La quindicesima edizione dell’Academy, in programma a Milano presso la consueta sede del Palazzo del Ghiaccio, si presenta come un’edizione particolarmente ricca di contenuti.

15 VOLTE FMA

Tante le novità che riguardano il cuore dell’evento e cioè la parte formativa, con un’offerta di seminari sulle tematiche di frontiera della gestione delle flotte più ampia che mai e, soprattutto, di grande interesse ed attualità. Il mix di relatori provenienti da centri di ricerca ed università, dal mondo fleet e da altri settori dell’automotive garantisce l’alto livello qualitativo dei dibattiti. Naturalmente, accanto alla parte seminariale, a Fleet Manager Academy non mancano quegli ingredienti che nel corso degli anni hanno reso Fleet Manager Academy l’evento più importante (e imitato) del settore delle flotte nel nostro Paese: dalle immancabili anteprime presentate dalle case automobilistiche nell’area espositiva, alla possibilità di fare networking e conoscere da vicino le proposte dei fornitori di beni e servizi per le flotte.

LA SFIDA DELLA SOSTENIBILITÀ

Entrando nel dettaglio del programma dei seminari, ad aprire l’Academy di Milano sarà il seminario “Fleet Management e soluzioni di mobilità sostenibile”. Questo seminario approfondirà il modo in cui lo sviluppo e la proliferazione di nuove soluzioni e servizi di mobilità sostenibile stiano arricchendo il panorama dell’offerta e degli strumenti a disposizione dei fleet manager, comportando la necessità di sempre maggiori conoscenze e competenze professionali da parte di quest’ultimi. A seguire ci sarà la Lectio Magistralis sul tema “Driver e viaggiatori aziendali alla sfida della sostenibilità”, tenuta dalla professoressa Maria Nadia Postorino che insegna Ingegneria dei Trasporti all’Università di Bologna. Cuore del suo intervento, quello di offrire un quadro evolutivo della nuova mobilità sostenibile visto dalla prospettiva delle aziende (mobilità dei dipendenti, sia driver aziendali che viaggiatori) in uno scenario di sviluppo a breve termine nel nostro Paese.

UN ALGORITMO PER LA GESTIONE DELLA FLOTTA

Il programma dell’Academy proseguirà con il seminario “Algoritmo per la flotta: innovazione delle car list, soluzioni flessibili di mobilità, soddisfazione dei driver”. In questo seminario verrà affrontato il tema della costruzione di un possibile algoritmo per la gestione delle flotte in chiave di sostenibilità e di economia di gestione. A Fleet Manager Academy si parlerà anche di “Corporate car sharing a misura di driver”, con un seminario dedicato che sarà focalizzato sul ruolo del corporate car sharing, che è una soluzione on demand, sostenibile dal punto di vista economico, operativo e ambientale, e che consente di ottimizzare i costi e l’utilizzo del veicolo.

IL PUNTO SULLA RIFORMA DEL FRINGE BENEFIT

Tra gli altri appuntamenti spicca, poi, il seminario “Normativa fiscale e non: stato dell’arte e prospettive”, in cui si parlerà delle modifiche alla normativa sul fringe benefit alle auto aziendali di cui si è discusso molto a livello mediatico negli ultimi mesi. Infine, sul piatto dei temi caldi, ci sarà anche la sicurezza, con un seminario apposito focalizzato sulla prevenzione dei fattori di rischio delle flotte.

Gli argomenti, insomma, sono tanti e vari e restituiscono la dimensione di un evento che cerca di comunicare sempre al meglio, e con la consueta autorevolezza, tutto quello che accade intorno al mondo delle flotte e della mobilità in generale. È opportuno ricordare che, come per le edizioni precedenti, la partecipazione a Fleet Manager Academy è gratuita per i fleet manager e consente, come sempre, di acquisire crediti formativi e di avere occasioni di incontro con colleghi ed altri esponenti ed operatori del mondo della mobilità aziendale.